Andare a lavorare in bici ed essere premiati? Tutto vero, grazie ad un’app | Selle Royal

Andare a lavorare in bici ed essere premiati? Tutto vero, grazie ad un’app

Bike Culture & Tips
Andare a lavorare in bici ed essere premiati? Tutto vero, grazie ad un’app
Maggio 2018

Quando si parla di ambiente, emissioni e sostenibilità ognuno di noi pensa a come potrebbe, nel proprio piccolo, contribuire a ridurre la produzione di inquinanti e smog.
A tal proposito, iniziative come il Bike to School Day e Bimbi
mbici, di cui si è parlato in una news pubblicata recentemente, sono eventi che intendono agire sulle coscienze dei più piccoli e delle loro famiglie, invitandoli a raggiungere le scuole in bici, limitando così gli spostamenti in auto.
Un progetto simile esiste anche per gli adulti e si chiama Bike to Work Day: è un evento annuale che dal 1956, negli Stati Uniti e in Canada, promuove l'uso della bicicletta per raggiungere il posto di lavoro.
In questa giornata, prevista per il terzo venerdì di maggio, i lavoratori vengono incoraggiati a scegliere la bici come alternativa salutare e sicura all'utilizzo dei mezzi a motore, ricevendo informazioni e consigli su come effettuare questo passaggio in modo sempre più definitivo.
Oggi, scelte come queste sono facilitate anche dalle nuove tecnologie e dal mondo digitale, che offrono strumenti di supporto davvero utili e innovativi.

Un esempio è Jojob, la piattaforma che da tempo promuove e certifica l'utilizzo del carpooling nelle aziende, ha da poco presentato due integrazioni al suo servizio: il viaggio a piedi e in bicicletta. Scaricando l'app, registrandosi e andando su queste nuove sezioni, per i dipendenti delle aziende aderenti sarà possibile, grazie alla tecnologia GPS, mappare e certificare il tragitto percorso per raggiungere l'ufficio.
Andare al lavoro a piedi o in bici, permetterà ai lavoratori di accumulare una serie di punti, chiamati "foglie d'oro", con cui sarà possibile ottenere sconti per stazioni sciistiche e parchi giochi, o convenzioni con alberghi e ristoranti.
In più l’applicazione, per ogni viaggio a emissione zero, fornirà un report sul risparmio ottenuto rispetto all'opzione carpooling (in media 20 centesimi per ogni Km) e sulle emissioni che si sono evitate (130g per ogni Km).
Solo nel 2017, l’utilizzo dell'app per il carpooling ha permesso di risparmiare 1.714.120 km e di non immettere nell'atmosfera 222.835 kg di CO2.

Gli sviluppatori della piattaforma, si augurano che grazie a queste due nuove funzioni, molte aziende siano incentivate ad introdurre nuove strutture e servizi dedicati ai cicloamatori, come parcheggi per biciclette e spogliatoi. Con queste misure si potrebbe convertire un numero sempre più alto di persone alla scelta della bicicletta come mezzo per raggiungere il posto di lavoro.
Insomma, un vero e proprio passo avanti, o meglio, uno scatto in avanti verso una mobilità sostenibile, in attesa che vengano adottati provvedimenti ancora più decisivi e strutturali a favore di queste forme di spostamento. Come ad esempio avviene in Francia dal 2015, dove il governo corrisponde un'indennità di 25 centesimi per ogni chilometro percorso a tutti coloro che scelgono la bicicletta per andare a lavorare.
Grazie alle nuove tecnologie quindi, i benefici legati alla scelta della bicicletta come mezzo di trasporto principale, non sono soltanto legati all’attività fisica, al benessere e alla sostenibilità, ma sono anche di natura economica.

E se ci sono ancora persone scettiche sui vantaggi offerti dalla bici, possono sempre mettersi alla prova e verificare di persona. Eventi come il Bike to Work Day e il Bike to School Day sono pensati apposta per loro!

 

Commenti 0
- 50% TA+TOO - 50% TA+TOO