Il sogno di viaggiare a ruota libera | Selle Royal

Il sogno di viaggiare a ruota libera

People & Partners
Product & Tech

Il sogno di viaggiare a ruota libera
Agosto 2016

Viaggiare per il mondo in bicicletta, senza meta e senza fretta.
Esplorando nuovi luoghi, scoprendo nuove persone, seguendo solo l'istinto, le gambe e il cuore.
Non è forse questo il sogno segreto di ogni cicloviaggiatore?
Ecco, c'è chi questo sogno lo sta vivendo da 10 anni.
Si tratta di Isabelle e Bruno Frebourg, una coppia della Normandia che dopo aver già girato mezzo mondo in moto, poi in sidecar con figlia al seguito, e infine a piedi, scalando tra l'altro il Kilimangiaro e i 6.000 metri del vulcano Chachani in Peru, ha deciso di scoprire l'altra metà del globo in bicicletta, il mezzo che hanno reputato più adatto alle “circostanze, alla nostra condizione fisica e ai nostri desideri”.

Dopo aver aspettato che la figlia terminasse gli studi, dall'8 aprile del 2006, i coniugi Frebourg hanno scelto di partire per il loro “viaggio senza data di ritorno” percorrendo finora circa 115.000 km e visitando 55 paesi, tra cui buona parte dell'Europa, del Nord Africa, del Medio Oriente, dell'Asia e del continente americano.

Le loro esperienze, le loro scoperte e i loro incontri sono riportati sul sito roueslibres.net, insieme a tanti spunti e informazioni sulle tratte da loro percorse, dai posti da visitare ai trucchi su come fare 10.000 km l'anno su due ruote e goderseli tutti.
Per questo siamo particolarmente fieri che negli ultimi anni abbiano scelto di abbandonare le loro vecchie selle per adottare le nostre Respiro Soft Moderate** , e siamo felici di accompagnarli nel loro viaggio con tutta la comodità di cui siamo capaci.

Attualmente la coppia, dopo aver lasciato il Canada per scendere lungo la costa Ovest degli Stati Uniti, sta visitando lo splendido parco di Yosemite in California e sta preparando la prossima tappa del suo viaggio-sogno.
E se viaggiare per il mondo in bicicletta è sempre stato anche il tuo, beh, loro sono la prova che si può fare. L'importante è farlo comodi e sereni.

Commenti 0