Viaggio alla scoperta del Bello…e del Buono | Selle Royal

Viaggio alla scoperta del Bello…e del Buono

Bike Culture & Tips
Eventi & Iniziative
People & Partners

Viaggio alla scoperta del Bello…e del Buono
Ottobre 2016

Cosa c’è di più affascinante delle colline per una gita fuori porta?
Specialmente ad ottobre, quando i boschi si tingono delle sfumature del rosso e del giallo, e le vie paesane odorano di funghi e castagne arrostite. Il caldo spossante è ormai lontano ed il freddo pungente ancora non è alle porte; quale momento migliore per andare alla scoperta delle meraviglie del Belpaese?

Scegliere la bici per esplorare l’Appennino toscano, con i suoi dolci pendii e i borghi medioevali disseminati lungo tutta la regione, significa incontrare la bellezza dietro ogni curva, ogni sentiero, ogni paese. La tiepida stagione autunnale è ideale per pedalare in questi luoghi: le colline del Chianti, in particolare, accolgono i cicloturisti con tutto lo splendore e l’abbondanza tipiche di queste terre, promettendo un’esperienza indimenticabile per il cuore e per la mente…per non parlare del palato!
Da Firenze fino a Siena, il percorso appaga i sensi con i paesaggi punteggiati da ulivi, vigneti e castelli, il sapore deciso delle carni e dei pecorini, l’aroma intenso dei vini italiani più conosciuti al mondo.

Partendo dal brulicante Ponte Vecchio fino a raggiungere la maestosità di Piazza del Campo, sotto le due ruote i ciottoli cittadini lasciano il passo ai sentieri sterrati del chiantigiano, incrociando le rotte degli uccelli migratori.
Uno zaino sulle spalle, un’andatura rilassata e il comfort della morbida sella Respiro sono l’ideale per rendere piacevole la corsa su manti stradali così diversi; poggiati su un comodo sedile scivoleremo silenziosi attraverso vicoli e piazze, in un tuffo indietro nel tempo dove solo la bicicletta può avventurarsi.
Lungo la strada del vino, attraversiamo villaggi fortificati e castelli medioevali come moderni cavalieri su un destriero a pedali, immergendoci nella cultura millenaria della Toscana e lasciandoci avvolgere dal calore di un popolo che ha fatto dell’accoglienza e del ristoro il proprio tratto distintivo.

Commenti 0